Hide menu

Ristrutturazione Appartamento

L'appartamento, ubicato all'ultimo piano, è parte di edifico databile a cavallo tra la fine degli anni '50 ed inizio anni '60, caratterizzato da struttura portante in muratura, e solai in latero-cemento. L'edificio ha uno sviluppo planimetrico ad angolo, lungo le vie ............ e ................. La sua tipologia edilizia è una fusione tra una tipologia a ballatoio ed una in linea, con vano scale ampio che svolge anche la funzione di chiostrina di affaccio per alcuni ambienti degli appartamenti. Attualmente la chiostrina, prevista inizialmente a cielo aperto è chiusa da struttura reticolare in alluminio e vetro che protegge la scala dalle intemperie. L'edificio, se pur caratterizzato da 4 piani fuori terra, è privo di ascensore. L'appartamento, oggetto di intervento,è costituito da 5 vani : soggiorno, cucina, salone e 2 camere da letto oltre al bagno, tutti illuminati ed aerati naturalmente con affacci su via ...... e via......... ad eccezione della stanza ubicata a destra entrando, nell'appartamento,che affaccia sulla chiostrina delle scale. Il vano bagno è soppalcato, determinando superiormente una zona ripostiglio/deposito alta 1 m, mentre il bagno ha una altezza netta di 2 m, circa. L'altezza utile interna è di 3,14 m. Progettazione : L'implementazione progettuale parte dall'esigenza di non stravolgere o modificare la distribuzione funzionale degli ambienti esistente ma adeguarla alle esigenze della committenza. Specificatamente si è deciso di separare nettamente la zona giorno dalla zona notte garantendo alla zona giorno un affaccio di "pregio" lungo la via principale. L'attuale ambiente destinato a cucina, verrà adibito a camera da letto singola con spostamento di attacchi idrici e scarichi nella nuova cucina, prevista nella stanza ad angolo. Il bagno, la cui posizione rimane invariata, verrà allargato con spostamento di un tramezzo e si prevede la demolizione del soppalco, garantendo una altezza netta, per l'ambiente, pari a quella delle atre stanze. Separando la zona notte da quella giorno sì rende necessaria la realizzazione di una porta di collegamento tra la cucina e la zona soggiorno ricavata in corrispondenza di una nicchia murale presente. Con la nuova distribuzione planimetrica si è ridotta la dimensione della stanza di destra,entrando nell'appartamento, attribuendone una funzione di ambiente servizio come ripostiglio e/o stireria, questo perchè l'affaccio sulle scale determina situazioni di praivacy limitata oltre che una non corretta ventilazione ed aerazione per utilizzarla come camera da letto. In fase realizzativa verranno sostituiti tutti gli infissi esterni, con la stessa finitura di quelli esistenti ma tali da garantire valori di trasmittanza previsti dalla norma anche al fine di un corretto isolamento degli ambienti interni. Inoltre verranno realizzati, ex novo, l'impianto idrico-fognante e oltre all'impianto elettrico, tutti vetusti. Per l'impianto di riscaldamento, si prevede di realizzarlo con elementi radianti in alluminio e con un sistema di distribuzione del fluido vettore a collettore con anelli complanari. In fase di realizzazione dell'impianto di riscaldamento si prevede la posa in opera di caldaia murale incassata, di tipo "C", all'esterno sul balcone, attualmente l'attacco della caldaia è ubicato nella cucina, con scarico di fumi convogliato all'esterno. Per le finiture si prevede la sostituzione dei pavimenti e rivestimenti previo loro totale svellimento. Il pavimento esistente in marmette, diverso per ogni stanza, verrà sostituito con piastrelle delle dimensioni 60x120 in gres spessore 6 mm (tipo Kerlite), mentre per il bagno, oltre alla posa in opera del pavimento, si realizzerà la posa di rivestimenti con piastrelle in gres ed in alcune zone tasselli 1,5x1,5 cm tipo Bisazza. Poichè gli ambienti presentano una altezza netta di 3,14 m si prevede la realizzazione di una controsoffittatura di circa 10-15 cm, nell'ambiente soggiorno e corridoio al fine di utilizzare sistemi di illuminazione nascosti a basso consumo. Da una analisi della tipologia di tompagno attualmente esistente, che delimita l'appartamento con l' esterno, è emerso che risulta insufficiente per isolare termicamente i vani interni dall'esterno e pertanto si prevede l'utilizzo di una soluzione del tipo "cappotto interno" da realizzare sulle pareti rivolte a nord con un sistema del tipo "StoTherm In Aevero - Sistema di isolamento per interni con isolante in aerogel". A conferma dell'esigenza di intervenire, sulle pareti, si fa notare che queste sono caratterizzate da un fenomeno di condensa superficiale, tipico dei ponti termici per pareti esposte a nord.
Cliente: 
Privato
Data: 
2015/01